Villa Antinori Pinot Bianco

Clima

Il 2021 è stata un’annata unica nel suo decorso. Il tardo inverno è stato caratterizzato da un clima caldo, presagendo un germogliamento anticipato. Di contro, la primavera è stata contraddistinta da piogge, temperature al di sotto della media e un’improvvisa nevicata; queste condizioni climatiche hanno rallentato il risveglio della vite e di conseguenza il germogliamento. A partire da giugno, il clima regolare e alcune piogge nei mesi di luglio e agosto hanno consentito il recupero del ritardo iniziale, garantendo l’adeguata crescita della vite e il corretto sviluppo del grappolo. I primi giorni di settembre sono stati caratterizzati da giornate soleggiate e da temperature miti che hanno consentito l’ottimale maturazione del Pinot Bianco, contraddistinto al momento della raccolta da una spiccata aromaticità e un buon equilibrio fra zuccheri e acidità. La raccolta è avvenuta a partire dalla prima decade di settembre.

Vinificazione

L’uva raccolta, che è stata vinificata separata per vigneto per preservarne l’identità territoriale, è stata diraspata e pressata in modo soffice. Il mosto è stato raffreddato a una temperatura di 10 °C per favorirne il naturale illimpidimento. Dopo 48 ore è stato trasferito in serbatoi di acciaio inox dove ha avuto luogo la fermentazione alcolica a una temperatura non superiore a 16 °C. Il vino è stato quindi conservato in serbatoi di acciaio inox a una temperatura di 10 °C fino al momento dell’imbottigliamento, avvenuto a partire da fine marzo 2022.

Dati Storici

Il Villa Antinori nasce dai migliori vigneti di Pinot Bianco di Tenuta Monteloro, sulle colline di Fiesole, alle spalle di Firenze. Un’etichetta storica della famiglia Antinori incontra in questa terra una nuova espressione, capace di raccontare l’armonia e le sensazioni di un territorio antico e vocato alla produzione di vini bianchi.

Note Degustative

Villa Antinori Pinot Bianco si presenta di un colore giallo paglierino con riflessi verdolini. Al naso è intenso: note di frutta tropicale, come l’ananas, si uniscono a piacevoli sensazioni di peperone e ortica. Al palato è fresco, vivace e sapido, con un finale minerale.

Villa Antinori Pinot Bianco 2021

Il Vino

Villa Antinori Pinot Bianco nasce dai migliori vigneti di Tenuta Monteloro, sulle colline di Fiesole, alle spalle di Firenze. Una zona ricca di storia e ad alta vocazione per i vini bianchi, dove questa etichetta storica trova nuova espressione.

Villa Antinori Pinot Bianco 2021

Il 2021 è stata un’annata unica nel suo decorso. Il tardo inverno è stato caratterizzato da un clima caldo, presagendo un germogliamento anticipato. Di contro, la primavera è stata contraddistinta da piogge, temperature al di sotto della media e un’improvvisa nevicata; queste condizioni climatiche hanno rallentato il risveglio della vite e di conseguenza il germogliamento. A partire da giugno, il clima regolare e alcune piogge nei mesi di luglio e agosto hanno consentito il recupero del ritardo iniziale, garantendo l’adeguata crescita della vite e il corretto sviluppo del grappolo. I primi giorni di settembre sono stati caratterizzati da giornate soleggiate e da temperature miti che hanno consentito l’ottimale maturazione del Pinot Bianco, contraddistinto al momento della raccolta da una spiccata aromaticità e un buon equilibrio fra zuccheri e acidità. La raccolta è avvenuta a partire dalla prima decade di settembre.

L’uva raccolta, che è stata vinificata separata per vigneto per preservarne l’identità territoriale, è stata diraspata e pressata in modo soffice. Il mosto è stato raffreddato a una temperatura di 10 °C per favorirne il naturale illimpidimento. Dopo 48 ore è stato trasferito in serbatoi di acciaio inox dove ha avuto luogo la fermentazione alcolica a una temperatura non superiore a 16 °C. Il vino è stato quindi conservato in serbatoi di acciaio inox a una temperatura di 10 °C fino al momento dell’imbottigliamento, avvenuto a partire da fine marzo 2022.

Il Villa Antinori nasce dai migliori vigneti di Pinot Bianco di Tenuta Monteloro, sulle colline di Fiesole, alle spalle di Firenze. Un’etichetta storica della famiglia Antinori incontra in questa terra una nuova espressione, capace di raccontare l’armonia e le sensazioni di un territorio antico e vocato alla produzione di vini bianchi.

Villa Antinori Pinot Bianco si presenta di un colore giallo paglierino con riflessi verdolini. Al naso è intenso: note di frutta tropicale, come l’ananas, si uniscono a piacevoli sensazioni di peperone e ortica. Al palato è fresco, vivace e sapido, con un finale minerale.

Villa Antinori

Villa Antinori

Villa Antinori è un’importante pietra miliare: questo nome ha, infatti, quasi cento anni di storia. Allo stesso tempo rappresenta una continua evoluzione. Un unico punto fermo: la ricerca dei margini qualitativi sempre più elevati. Questa idea ha dato vita a due vini differenti, accomunati dalla passione per la qualità: Villa Antinori Rosso e Villa Antinori Bianco. Nel 1928 il Marchese Niccolò Antinori creò il Villa Antinori come Chianti Classico prodotto per essere invecchiato e migliorare nel tempo. Da allora il Villa Antinori si trova nelle cantine più prestigiose di ambasciate, case reali, grandi hotel e ristoranti. Nel 1931 nacque il Villa Antinori Bianco da tradizionali uve Trebbiano. Negli anni ‘80 è stata aggiunta una piccola percentuale di Chardonnay, per conferire al vino ulteriore struttura.

Your browser is not supported

Programma sviluppo rurale
contatti - distribuzione
//